Che spasso il bungee jumping! Si tratta di una disciplina grazie alla quale ci si può lanciare da luoghi elevatissimi nel vuoto, vivendo momenti di pura adrenalina e al tempo stesso divertimento.

Ho provato questa particolare esperienza e posso considerarla davvero indimenticabile. Questo è uno sport estremo nel quale bisogna mantenere calma e sangue freddo, ma nel mio salto dalla base jumping nel vuoto mi sono sentito pienamente libero. Ovviamente, un lancio del genere deve essere determinato da un livello molto alto di sicurezza. Per questa motivazione, sono sceso dal mio ponte dopo aver indossato una corda elastica ed essere stato legato ad un apposito sostegno.

Se malauguratamente questa prima corda si spezza, ci si può aiutare grazie ad una seconda di sicurezza. Che emozione quando mi sono imbragato per il lancio dopo le operazioni di peso! Il tragitto per raggiungere l’apposita pedana è ricco di tensione e suggestività. Lanciarsi nel vuoto non è così facile, ma è comunque un autentico divertimento. Dopo la fase iniziale di caduta libera, l’elastico diventa teso e bisogna gestire lo strattone. Quindi, si cade in basso con un’accelerazione che diminuisce grazie proprio alla corda elastica. A quel punto, si sentono tre rimbalzi, si penzola e si effettuano tutte le operazioni di discesa, per poi alla fine far risalire la corda.

Il bungee jumping è un’ebbrezza da provare almeno una volta nella vita per chi è appassionato del brivido. Diverse postazioni sono state allestite in Italia per poter fare questo particolare salto adrenalinico. Tali sedi sono disseminate lungo l’intero stivale. La prima risale al 1993 e si trova sul Veglio Pistolesa, a Biella. È possibile pratica la stessa disciplina sull’Altopiano di Asiago (Vicenza), all’Acqualandia Park di Jesolo (Venezia), a Torino, in Val d’Aosta, ad Imperia, nel Lago Maggiore, ad Arrone (Terni), a Roma e a Catania. Siete pronti a vivere momenti di pura follia tramite il bungee jumping? Non esitate!